Biografia

favicon

Giovanni Galletta nasce a Modena e dopo avere frequentato il liceo Classico Muratori dell’omonima città emiliana ha ultimato gli studi universitari al Dams di Bologna, indirizzo spettacolo.

I suoi film hanno ottenuto molti riconoscimenti a livello nazionale,.

Nel 1996 ha diretto il suo primo lungometraggio sperimentale, che è stato proiettato in diversi cineclub.

“Qualcosa dal nulla”, il suo secondo lavoro, è un cortometraggio presentato in anteprima, all’interno del cartellone, alla Sala Truffaut di Modena e successivamente inserito nella selezione del festival di Castrocaro Terme. A fine Giugno il film è stato presentato nel programma della mostra del cinema indipendente di Milano e nella selezione del festival internazionale “Amarcort”.

“Una prova”, il terzo film (durata 26 minuti), è un mediometraggio che ha vinto il primo premio della giuria al concorso “Corti di Sogni” di Ravenna. Il film ha vinto inoltre il premio per la migliore sceneggiatura al festival “Videocorto” di Nettuno ed è stato premiato al Valdarno Cinema Fedic nella sezione Vetrina. Ha ricevuto una menzione al festival “Premio della critica cinematografica e televisiva” di Fabriano (Ancona) e una segnalazione speciale della giuria al Fano Film Festival. Il mediometraggio è stato selezionato anche come finalista al Genova Film Festival, a “Cortopotere” (Bergamo), a “Amori in corto” (Terni), al Fotogramma d’oro (Trieste) e alla penultima edizione del Videocorto di Mestre. Il film è stato teletrasmesso con allegata intervista su Teleobiettivo.

Dopo “Una prova” Galletta ha girato il mediometraggio “Il mistero del museo”, un progetto commissionatogli da un’associazione culturale emiliana.

La Sala Truffaut di Modena ha dedicato, il 20 Ottobre 1999, una serata agli ultimi due fillm del regista; dopo la proiezione Galletta ha incontrato il pubblico presente in sala.

Il Cinevideo Club di Bergamo ha dedicato al regista una serata simile nel Marzo 2000.

Nel Gennaio 2000 Galletta ha diretto lo spot dei negozi “Pergioco”.

Giovanni Galletta ha poi diretto il mediometraggio “Il primo pensiero”. Il film ha vinto il Premio Excelsior 2000 per il migliore mediometraggio italiano e l’omonimo premio assegnato dal pubblico. “Il primo pensiero” ha vinto inoltre il 1° premio assoluto per il miglior film al 6° Festival Nazionale del Videocorto di Nettuno; nella stessa manifestazione il mediometraggio è stato ritenuto meritevole dei seguenti riconoscimenti: migliore regia, miglior soggetto, migliore sceneggiatura (solo quest’ultimo a pari merito), migliore fotografia, migliore attore protagonista (Andrea Lupo), migliore attrice protagonista (Verdiana Battaglia), migliore attrice non protagonista (Alessia Brivio) e premio Troisi assegnato dagli artisti presenti al festival. “Il primo pensiero”, al festival “Amori in corto” di Terni, ha vinto il premio per il migliore attore (Andrea Lupo) e per la migliore colonna sonora, riconoscimento quest’ultimo assegnato dal premio Oscar Nicola Piovani. Il mediometraggio ha inoltre vinto un premio speciale della giuria al Premio Videozoom di Tornaco (Novara). Il film è stato selezionato inoltre al Valdarno Cinema Fedic nella sezione Vetrina e in finale del concorso nazionale al Genova Film Festival. Il film è stato scelto in concorso nella finale del festival internazionale “Corto in Bra 2002” e nell’ultima edizione del fotogramma d’Oro (Trieste). “Il primo pensiero” è stato teletrasmesso, con allegata intervista, su Teleobiettivo (tv privata del Lazio).

Nel Settembre 2000 Galletta ha curato la regia del backstage dell’ultimo video di Alex Britti “Una su un milione” .

Da Ottobre 2000 sino a tutto il 2002 Giovanni Galletta è stato il terzo socio della Diamante films international srl (società che ha curato la regia dei videoclip di Vasco Rossi, Zucchero, Sting, 883, Antonacci Zero, Britti ecc) insieme a Marco Sermenghi e Stefano Salvati.

Galletta ha scritto per un lungo periodo recensioni cinematografiche per il quotidiano “Ultime notizie”, un quotidiano che, nella provincia di Modena, usciva insieme a “La Stampa”.

Giovanni Galletta ha diretto nel Luglio 2001 il videoclip “La terapia”, per il cantautore Luca Maggiore.

Nel 2002 ha girato “La vita continua”, mediometraggio di cui è interprete protagonista l’attore Stefano Venturi, protagonista anche dell’ultimo film di Luciano Ligabue “Da zero a dieci”. “La vita continua” ha vinto il primo premio al concorso nazionale di corto e mediometraggi “Premio Maurizio Poggiali”; al Lenola Film Festival il film ha vinto il premio per il migliore mediometraggio italiano; al Festival internazionale svoltosi a Villa Basilica (Lucca) “La vita continua” ha ricevuto il terzo premio nella sezione fiction e lungometraggi. Il film ha inoltre ricevuto una menzione con targa speciale al 56° festival internazionale del cinema di Salerno. “La vita continua” è stato finalista nei festival “Pianosequenza” Palermo, “Inventa un film” Lenola (Latina), “Valsusa Film Fest” (Torino), “Corti da sogni” Ravenna, “LucaniaFilmFestival”, “Videocorto di Nettuno” (dove ha vinto il premio per il migliore attore non protagonista), “Toni Corti (Padova)”, al “1° Festival Internazionale del cinema di Empoli”, all’edizione 2003 del 40° Fotogramma d’oro (Trieste) e alla finalissima internazionale del Potenza Film Festival.

Nel 2004 Giovanni Galletta si è trasferito a Roma dove tuttora vive.

Nel 2005 ha girato “The playmaker”, un cortometraggio promozionale prodotto da una società di produzione americana in vista della realizzazione dell’omonimo lungometraggio. Il lavoro è stato presentato per lo più all’estero ed ha partecipato a diversi festival e avvenimenti.

Nel 2007 ha pubblicato il romanzo “Un senso originale”, (Robin Edizioni)”.

Ha esordito nella regia di un lungometraggio con “Dopo quella notte”, che vanta tra i suoi interpreti Maurizio Mattioli, Mariagrazia Cucinotta, Enrico Lo Verso, Serena Grandi, Antonella Ponziani e Lucrezia Piaggio; il film è uscito nelle sale nel luglio del 2010 ed è disponibile in dvd, a noleggio ed in vendita, per la Cecchi Gori Home video.

Giovanni Galletta lavora anche come sceneggiatore in particolare per il regista Stefano Calvagna per cui ha scritto la sceneggiatura di “Rabbia in pugno”; il film è uscito nelle sale nel giugno del 2013. “Il talento della malattia è la terza sceneggiatura che Calvagna ha affidato a Galletta.

Nel 2012 Galletta ha diretto, sempre da una sua sceneggiatura, “Il mistero di Laura”, il suo secondo lungometraggio. Il film è uscito nelle sale il 31 agosto dello stesso anno; è stato selezionato tra i dieci lungometraggi finalisti per il Premio Mario Verdone, è stato candidato ai David di Donatello ed è stato proiettato in occasione della chiusura del Nonantola Film festival.